Aprire la mappa


Il Pane di Samarcanda

Pubblicato: 28 2018

Il pane  di Samarcanda è famoso per il suo inimitabile gusto e le sue caratteristiche per non diventare stantio per molto tempo. Il vero pane di Samarcanda dovrebbe essere eleggibile per tre anni. Quindi, si dovrebbe cospargere il pane con acqua e riscaldarlo in tandyr (stufa in argilla, dove viene cotto il pane). Nelle condizioni moderne si può farlo con l'aiuto del microonde o della stufa comune.
Si sapeva che l'emiro di Bukhara amava il pane di Samarcanda. Una volta sconcertò i suoi cortigiani e ordinò che il pane di Samarcanda venisse cotto nella sua cortile.
Così, il miglior panettiere fu chiesto a Samarcanda. "Emir ha ordinato di venire!", Fu portato a palazzo, "ora cuocerai il pane qui". Doveva attuare l'ordine.
Ma, come ha tentato il maestro, il pane non è diventato così gustoso, così morbido, come ha cotto a Samarcanda. Il panettiere del pane pensò che la questione fosse nella farina di Samarcanda, o nell'acqua di Samarcanda, ma potrebbe essere nel tandir proveniente dalla terra di Samarcanda.
Quindi, tutti gli ingredienti furono portati al maestro, ma più e più volte il pane piatto aveva assolutamente un altro sapore. Qual era il problema? "Può essere  di che  l'aria Samarcanda è un'altra". - pensò il maestro e i cortigiani. Ma non è stato possibile trasferire l'aria. Il maestro fu lasciato, perché era inutile infornare il pane di Samarcanda a Bukhara. Quindi il pane piatto è stato portato a Samarcanda fino ad oggi.

C'è una tradizione, se vai ovunque, prendi il pane di Samarcanda come regalo. Quando spezzi il pane, tocchi la storia della città antica, perché le ricette sono state fatte per secoli. È difficile calcolare i tipi di pane di Samarcanda: sono stati cotti in una ricetta speciale in ogni regione. Sono patir, obi-non tunuk, kulcha, katlama, chap-chak ed ecc.

Ci sono tipi speciali di pane a Samarcanda. Sono di grandi dimensioni e hanno decorazioni originali. Questo "pane è longevo", non è solo la decorazione, ma un regalo come un ricordo.

Altre note dalla categoria Leggende e miti del popolo uzbeco