Aprire la mappa


Leggenda sul Minareto Kalyan

Pubblicato: 28 2018

Il Minareto Kalyan è il principale simbolo di Bukhara Nobile.
Il minareto Kalyan è forte, maestoso ed equilibrato nelle sue forme monumentali e un po 'massicce. Allo stesso tempo è ben distinto, chiaro e filigranato lavorato in tutti i dettagli. Le sue proporzioni, le divisioni sono di grande gusto.
Durante molti secoli il minareto Kalyan sopravvisse a tutti i terremoti, che distrussero molte alte costruzioni in Uzbekistan. Il segreto della sua stabilità è nelle correlazioni empiricamente corrette delle parti dell'edificio, nella costruzione del suo fondamento, in una buona qualità della muratura.
Ci sono note sui suoi tre nastri: data di costruzione - 1127, nome del donatore - sovrano di Bukhara Arslan Khan e il nome del costruttore - usto Bako.
Ci sono molte leggende sul Minareto Kalyan. Il nome è tradotto come "Grande torre", "Torre della morte". Nell'antichità molte persone furono giustiziate e gettate giù dalla cima della torre.
In una vecchia leggenda si dice, che molte volte fa viveva uno shakh, che aveva una moglie. Era un uomo crudele e decise di uccidere sua moglie. Decise di respingerla dalla cima della torre. Ma era una donna molto intelligente e chiese a suo marito che avrebbe realizzato il suo ultimo desiderio. Lui ha acconsetito. Al giorno dell'esecuzione è apparsa, ha indossato molti abiti e gonne.
La donna saggia salì molto in alto la cima della torre, e tutta la gente stava aspettando nella piazza e osservò. Quando saltò giù dalla torre fu come un miracolo: non morì, perché i suoi vestiti si riempirono e lei scese facilmente sulla terra.
Un'altra leggenda narra che quando Chingizkhan, dopo lo schiacciamento della città e la distruzione della metà della città, entrò nella piazza vicino alla torre e guardò il minareto, l'elmo gli cadde dalla testa. Dovette piegarsi in avanti per raccoglierlo dalla terra. "Non mi ero mai piegato a nessuno, - disse il potente soldato, - ma questa costruzione è così grandiosa, che vale l'arco."

Altre note dalla categoria Leggende e miti del popolo uzbeco